Posts Tagged ‘sit in Reggio Calabria

10
Feb
10

Sit-in in solidarietà ad Antonino Monteleone 13 febbraio 2010

Sabato 13 Febbraio 2010  – ore 18.00 – Piazza Italia/ Corso Garibaldi – REGGIO CALABRIA

A distanza di quasi una settimana dai fatti che hanno colpito il giornalista e amico Antonino Monteleone, tanti hanno dichiarato la loro solidarietà.
La rete internet e la società civile reggina si sono attivati per non lasciarlo solo.
Per far comprendere a lui, ma soprattutto ai vili attentatori, che Reggio non ha più voglia di stare in silenzio, che noi cittadini non abbiamo più voglia di accettare il ricatto ‘ndranghetista con la paura e la rassegnazione di un tempo.
Naturalmente A. Monteleone non è stato il primo a subire un atto del genere e molto probabilmente non sarà nemmeno l’ultimo quindi ci sembra giusto ricordare anche tutti gli altri che non hanno la stessa notorietà e, soprattutto, la stessa possibilità di informare la cittadinanza locale e nazionale.
Di solito questi attentati sono relegati a trafiletti sui giornali o semplici bollettini sulle tv locali, come se su di essi debba calare il silenzio, come se dovessimo dimenticarli in fretta, tanto la vita continua.
No, non ci stiamo!
È arrivato il momento di reagire, è arrivato il momento di dire basta.
È arrivato il momento di gridare la nostra rabbia e il nostro sdegno per quello che è successo ad Antonino ma anche per tutto quello che è avvenuto nella nostra città negli ultimi anni ed in particolare dal 3 gennaio.

È arrivato il momento in cui ognuno di noi deve prendersi la responsabilità delle proprie azioni.
Non possiamo affermare di essere contro la ‘ndrangheta e continuare a tenere atteggiamenti mafiosi.
Non dobbiamo cedere al ricatto di una raccomandazione; non dobbiamo farci allettare dalla richiesta di un voto in cambio di una promessa di lavoro, perché se accettiamo questi ricatti saremo per sempre schiavi.
Schiavi della prepotenza e dell’arroganza di chi si sente “superiore” perché ci ha dato un tozzo di pane.

Saremo schiavi perché non avremo più coraggio.
Il coraggio della coscienza pulita.
Il coraggio di chi sente nel suo sangue, sulla sua pelle le ferite inferte a questa terra e alla sua gente.
Dobbiamo riprenderci la nostra Dignità di esseri umani e di cittadini.
Dobbiamo essere consapevoli che chi compie questi atti non è indistruttibile.
Questi individui sono fatti di carne ed ossa.
Persone che bevono e mangiano, persone che si ammalano. E possiamo sconfiggerle.
Si fanno forti della nostra viltà, dei compromessi, del “favore” che ci hanno fatto o che ci potrebbero fare.
Ma non sono più forti di noi, se lo vogliamo davvero.
Iniziamo a rispettare noi stessi e i nostri figli.
Adesso basta.
Rialziamo la testa, facciamo sentire la nostra voce.

Vi aspettiamo Sabato 13 febbraio a partire dalle ore 18 a Piazza Italia (corso Garibaldi) per difendere Antonino e la nostra Dignità.

Annunci